• Laura Chiara - Grafica - Savona
  • Alessandro Boccardo - Cioccolato - Genova
  • Alessandro Loffredo - Oreficeria - Genova
  • Vilma Chinelli - Pasticceria - Cairo Montenotte
  • Monica Bertieri - Abbigliamento e Arredo- Genova
  • Tiziana Sidoti - Abbigliamento - Genova
  • Andrea Bortolameazzi - Accessori moda - Genova
  • Serghei Matarese - Gelateria - Genova
  • Carlo Bernat e Rosella Schiesaro - Ceramica - Savona
  • Maurizio Rossetti e Carmelo Sferlazza - Piante e aromi - Albenga
  • Ilaria Traverso - Ceramica - Genova
  • Luisa Mongiardino - Tessuti - Genova
  • Alberto Monfrini - Gelateria - Genova

Ristori bis, allargate le categorie ammesse a contributi

08 Novembre 2020

Sono 19 i nuovi codici inseriti, tra cui bus operator, fotografi e ristorazione senza somministrazione, come pizzerie al taglio e rosticcerie. Creato anche un fondo per le industrie alimentari. Costi

(Confartigianato): «L’immediata integrazione delle categorie è la testimonianza che eravamo dalla parte della ragione»

«Avevamo ragione a denunciare la discriminazione e la mancanza di alcune categorie colpite dal Dpcm e, grazie anche all’intervento della nostra sede nazionale, il governo è immediatamente intervenuto. Siamo soddisfatti e, insieme al governo, ringraziamo per l’immediata vicinanza gli assessori all’artigianato della Regione Liguria Andrea Benveduti e dei Comuni di Genova e Savona, Paola Bordilli e Maria Zunato». È questo il primo commento di Luca Costi, segretario di Confartigianato Liguria all’approvazione del Decreto Ristori bis.

Il Decreto Ristori bis appena approvato contiene integrazioni ai codici individuati con il primo decreto e un ulteriore stanziamento di risorse destinato al ristoro delle attività economiche interessate, direttamente o indirettamente, dalle restrizioni disposte a tutela della salute, al sostegno dei lavoratori in esse impiegati.

Sono previsti contributi a fondo perduto, per specifiche imprese che operano nelle regioni caratterizzate da uno scenario di elevata o massima gravità, con importi variabili in funzione del settore di attività dell’esercizio. L’istituzione di un fondo per nuovi contributi, per compensare le attività delle regioni che potrebbero venire interessate da future misure restrittive, per erogare futuri contributi in modo automatico. Contributi per le industrie alimentari, attraverso la creazione di un fondo per ristorare con un contributo a fondo perduto le perdite subite dalle industrie alimentari. Inoltre, per le imprese in aree di rischio il credito d’imposta sugli affitti commerciali e la sospensione dei versamenti, la cancellazione della seconda rata dell’Imu, la sospensione dei contributi previdenziali e il rinvio del secondo acconto Ires e Irap per i soggetti a cui si applicano gli Isa.

Tra i nuovi settori inseriti vi sono gli autobus operator (cod. 493909) con ristoro al 100%, che contano in Liguria 68 imprese (Genova: 51, Imperia: 7, La Spezia e Savona 5 ciascuna); le attività di fotoreporter (cod. 742011 e 742019) con ristoro al 100%, che vede 290 imprese a Genova,

70 a Imperia, 86 alla Spezia e 122 a Savona per un totale di 568 imprese in Liguria e, infine, la ristorazione senza somministrazione (cod 561020) con ristoro al 50%, che conta 2.638 imprese liguri, di cui 1520 a Genova, 243 a Imperia, 354 alla Spezia e 521 a Savona, attualmente escluse dai ristori.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI