• Massimo Tosetti e Giancarlo Berto - Autoriparazione - Genova
  • Silvia Lamperti - Disegni su velluto - Arenzano
  • Az. Agr. Damiano (Olive - Chiusavecchia (IM)) con Carlo Denei
  • Marialuisa Rocca - Salse tipiche - Mele
  • Serghei Matarese - Gelateria - Genova
  • Salvatore Scalia - Restauro strumenti musicali - Genova
  • Carlo Favre - Legno e ardesia - Genova
  • Giancarlo Faccio - Lavorazione del rame - Genova
  • Claudia Rizzo - Filigrana - Campo Ligure
  • Filippo Passalacqua - Lavorazione dell'ottone - Sori
  • Emanuela Burlando - Accessori moda - Genova
  • Giuseppe D'Urso - Moda - La Spezia
  • Marco Bottaro - Vetro - Genova

Credito in calo “stabile” per le microimprese liguri

01 Giugno 2019

A fine 2018 il trend del credito concesso alle micro e piccole imprese in Liguria si attesta sul -0,8%, stabile rispetto a settembre 2018. Grasso (Confartigianato): «Resta forte il gap con le grandi imprese, considerando sia lo stock concesso, sia il tasso di interesse applicato».

In calo i prestiti alle micro e piccole imprese della Liguria. A dicembre 2018, secondo gli ultimi dati Banca d'Italia elaborati dall'Ufficio studi di Confartigianato, la nostra regione registra un -0,8% alla voce “credito erogato alle microimprese”, a fronte di una crescita dell'1,7% di quello concesso al totale delle imprese del territorio regionale. A livello nazionale, i dati di fine anno sui prestiti alle piccole imprese indicano una diminuzione dell’1,1% a fronte di una crescita dell’1,2% dei prestiti al totale delle imprese. Il calo è più intenso rispetto a quello registrato a settembre 2018 (-0,8%).

A differenza del confronto nazionale, in Liguria lo stock del credito erogato alle piccole imprese resta stabile rispetto al trimestre precedente (-0,8% a settembre 2018). Tra le regioni in cui, come in Liguria, tale andamento negativo risulta in attenuazione o stabile rispetto ai tre mesi precedenti, figurano Piemonte (-0,7%), Provincia Autonoma di Trento (-1%) e Marche (-2,9%), mentre va peggiorando soprattutto in Abruzzo (-3,9%), Valle d’Aosta (-3,4%), Umbria (-2,5%).

Ad aggravare la situazione del credito, resta la questione dei tassi d'interesse pagati dalle micro e piccole realtà imprenditoriali, decisamente maggiori rispetto a quelli chiesti alle imprese medio-grandi. Gli ultimi dati disponibili indicano nel Nord-Ovest un tasso del 6,62% pagato in media dalle piccole imprese. Tasso che stacca di ben 335 punti base quello applicato alle medio-grandi.

«A svantaggiare ulteriormente le nostre microimprese – spiega Giancarlo Grasso, presidente di Confartigianato Liguria – c'è la selettività con cui viene concesso il credito a seconda del grado di rischiosità. Indipendentemente da tale fattore, i prestiti alle grandi risultano sempre in crescita, mentre per le piccole imprese - e soprattutto per le micro - lo stock di credito aumenta solo se considerate a basso rischio. Una situazione che va ad allargare sempre più la forbice traimprese considerate di serie A e di serie B».

I numeri lo dimostrano: sempre secondo il rapporto della Banca d'Italia, i prestiti alle imprese non grandi crescono solo se considerate a basso rischio (con la performance migliore e pari al +6,5% per le medie), mentre i prestiti concessi alle grandi imprese risultano sempre in crescita (e precisamente del 5,9% quando sono a basso rischio e dell'1,9% quando sono ad alto rischio). In particolare, per le microimprese si rileva l’aumento meno intenso (+3,2%) nel caso di basso rischio e la diminuzione più intensa nel caso di alto rischio (-7,6%).

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI