• Martina Scasso - Accessori moda - Savona
  • Elisabetta Comotto - Oreficeria - Genova
  • Vilma Chinelli - Pasticceria - Cairo Montenotte
  • Silvia Lamperti - Disegni su velluto - Arenzano
  • Salvatore Scalia - Restauro strumenti musicali - Genova
  • Tiziana Sidoti - Abbigliamento - Genova
  • Giancarlo Faccio - Lavorazione del rame - Genova
  • Igor Venturi - Accessori moda - Genova
  • Mauro Garbarino - Legatoria - Genova
  • Nicola Castelli - Oreficeria - Genova
  • Davide Satta - Metalli - Genova
  • Carla Quaglia - Moda - Savona

Rifiuti: quali sono gli obblighi a carico delle imprese?

22 Marzo 2019
Le problematiche relative alla gestione dei rifiuti sono diverse e talvolta, semplicemente per abitudini sbagliate, ci si trova davanti a violazioni che con poco impegno potrebbero essere eliminate. Il produttore è il primo responsabile della gestione dei rifiuti ed è quindi tenuto al rispetto di diversi obblighi, alcuni documentali, altri relativi alla gestione quotidiana delle fasi di produzione dei rifiuti. Proviamo quindi a riepilogare quali sono i più frequenti casi in cui si violano le norme in materia di rifiuti.
 
 
 
 
Deposito dei rifiuti senza aver provveduto al loro allontanamento (per smaltimento o recupero)
- superamento del limite di dodici mesi, senza autorizzazione;
- superamento del limite di 30 m.cubi di rifiuti in giacenza, di cui al massimo 10 m.cubi di rifiuti pericolosi, senza autorizzazione;
- non divisione/identificazione dei rifiuti in base al codice CER ed alle relative classi di pericolosità.

Trasporto di rifiuti
- conferimento dei rifiuti ad un trasportatore senza avere verificato che questi sia in possesso delle autorizzazioni per il loro trasporto;
- mancata verifica del sito di destinazione finale dei rifiuti;
- trasporto di propri rifiuti senza autorizzazione al trasporto;
- trasporto di propri rifiuti senza autorizzazione al trasporto dello specifico codice CER.

Formulario di trasporto
- assegnazione del codice CER del rifiuto da parte del trasportatore;
- compilazione parziale od inesatta;
- smarrimento della quarta copia (di ritorno);
- ricevimento della quarta copia (di ritorno) oltre tre mesi dalla sua data di emissione.

Registro dei rifiuti
- assenza, anche se soggetti obbligati;
- compilazione parziale od inesatta.

Ed infine ricordiamo che la scadenza del 30 Aprile per la presentazione del MUD, solo per quest'anno è spostata al 22 Giugno 2019.

Chiamaci per un controllo gratuito della tua impresa:
Ufficio Ambiente
Enrico Taponecco, tel. 0187.286632
ambiente@confartigianato.laspezia.it

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI