• Sara Bosco - Moda - Genova
  • Carola Parodi - Gelateria - Genova
  • Pasquale Fervorini - Bellezza - Genova
  • Serghei Matarese - Gelateria - Genova
  • Andrea Carega - Friggitoria - Genova
  • Giacomo Minuto - Torrefazione - Savona
  • Alberto Monfrini - Gelateria - Genova
  • Elisabetta Comotto - Oreficeria - Genova
  • Silvia Lamperti - Disegni su velluto - Arenzano
  • Alessandro Ballarin - Vetro - Sanremo
  • Luisa Mongiardino - Tessuti - Genova
  • Osvaldo Benevelli e Rosannita Mariani - Gelateria - Arenzano
  • Carlo Marciano e il suo staff - Panificatore - Genova

Crolla l'export ligure verso il Regno Unito

29 Novembre 2018

In un anno le esportazioni liguri verso il Regno Unito sono precipitate del 26,2%. Trend in calo in tutta la regione, a eccezione di Imperia. Grasso (Confartigianato): «Primi effetti della Brexit, bene quindi liniziativa ligure a Londra, anche per far ripartire gli scambi commerciali con il Paese»

Nel giro di un anno le esportazioni liguri verso il Regno Unito sono crollate del 26,2%, raggiungendo, alla fine del primo semestre 2018, i 77,6 milioni di euro. A dirlo sono gli ultimi dati Istat diffusi dall'Ufficio studi Confartigianato. A livello nazionale, l'export verso la Gran Bretagna ha subito un leggero calo (-0,4%) e ha superato gli 11 miliardi di euro.

Le esportazioni liguri incidono per lo 0,7% sul totale Italia. Le regioni che hanno il maggior peso sulla bilancia commerciale nazionale risultano la Lombardia, con oltre 2,5 miliardi di esportazioni (in calo del 6% rispetto al primo semestre 2017), Emilia-Romagna (2 miliardi, +13%) e Veneto (1,7 mld, -3,2%). Supera il miliardo di export verso il Regno Unito anche il Piemonte (1,2 miliardi, +4,8%).

Guardando le singole province liguri, le esportazioni genovesi verso la Gran Bretagna valgono 45,2 milioni di euro, in calo dell'8,1% rispetto ai primi sei mesi del 2017. Trend molto negativo anche per Savona e La Spezia, che in un anno perdono rispettivamente il 57,5% e il 48,4% del valore delle esportazioni. Nel savonese queste pesano per 18,9 milioni di euro, mentre nello spezzino valgono poco più di 3 milioni di euro. In controtendenza la provincia di Imperia, che tra giugno 2017 e giugno 2018 ha registrato un'impennata delle proprie esportazioni verso il Regno Unito, cresciute dell'86,5% a quota 10,4 milioni di euro.

«Escludendo il positivo trend dell'imperiese, il segmento di export ligure verso il Regno Unito ha decisamente bisogno di un'inversione di rotta – commenta il presidente di Confartigianato Liguria, Giancarlo Grasso – Per mitigare gli effetti della Brexit e promuovere le eccellenze della nostra regione, anche nell'ottica di allacciare nuove collaborazioni commerciali con i partner britannici e di consolidare quelle già esistenti, sono sicuramente d'aiuto iniziative come quella che si sta svolgendo in questi giorni a Londra, alla quale partecipano produttori e artigiani, ma anche le istituzioni, nelle vesti di ambasciatori del made in Liguria».

Il riferimento è all'Italian Christmas Fair, quest'anno dedicata a Genova e alla Liguria. In programma oggi e domani a Londra, l'iniziativa si svolgerà in St Mary Abbots Centre, che per l'occasione sarà trasformata in un rollo genovese e allestita con eccellenze manifatturiere ed enogastronomiche liguri. Il ricavato sarà destinato a Genova, a supporto della sua ripartenza dopo la tragedia del Ponte Morandi.

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI