• Salvatore Scalia - Restauro strumenti musicali - Genova
  • Giuseppe D'Urso - Moda - La Spezia
  • Andrea Carega - Friggitoria - Genova
  • Vilma Chinelli - Pasticceria - Cairo Montenotte
  • Maurizio Rossetti e Carmelo Sferlazza - Piante e aromi - Albenga
  • Massimo Tosetti e Giancarlo Berto - Autoriparazione - Genova
  • Michela Furfaro - Frantoiano - Vado Ligure
  • Andrea Bortolameazzi - Accessori moda - Genova
  • Martina Scasso - Accessori moda - Savona
  • Carola Parodi - Gelateria - Genova
  • Giancarlo Faccio - Lavorazione del rame - Genova
  • Serghei Matarese - Gelateria - Genova
  • Otre d'Or (Prodotti tipici - Villa Faraldi (IM)) con Carlo Denei
  • Sara Fazio - Accessori moda - Varazze

Apprendistato: agevolazioni ed obblighi

17 Marzo 2018

La normativa attuale permette ai datori di lavoro con più di 9 dipendenti che assumono con contratto di apprendistato professionalizzante di risparmiare circa il 60% dei contributi sociali a loro carico nei 3 anni di durata del periodo formativo e nel primo anno della conferma in servizio dell'apprendista. Quest'anno, l'introduzione dell'esonero per apprendisti consente di usufruire di un'ulteriore annualità incentivata con una riduzione della metà dei contributi INPS. 
In pratica, ipotizzando una retribuzione lorda annua di 25.000 euro, il risparmio quinquennale (3 anni di apprendistato, uno di conferma ed un anno di esonero) si attesta ad oltre 21.000 euro.
Ma tra gli incentivi riservati ai giovani non va dimenticato che quello previsto per i Neet che è attivo allo stesso modo anche per gli apprendisti assunti in qualsiasi sede di lavoro che non coincida con la provincia di Bolzano, previa registrazione al programma Garanzia Giovani.

Combinando le diverse agevolazioni appare possibile costruire un quinquennio con un primo anno completamente esonerato da contribuzione (grazie all'incentivo per i Neet), i successivi 3 anni con la contribuzione ridotta del 60% e l'ultimo anno con un abbattimento di un ulteriore 50% della contribuzione dovuta dal datore di lavoro. Il risparmio complessivo supera i 24.000 euro [clicca qui], senza tenere conto della possibilità di sottoinquadrare l'apprendista fino a due livelli, quindi con l'applicazione di un minimo salariale più basso durante il periodo di formazione o, ancora, della completa deducibilità riservata agli apprendisti ai fini IRAP e lo scomputo degli apprendisti, ad esempio, ai fini del collocamento obbligatorio dei disabili.

Gli obblighi burocratici sono però diversi: individuazione di un tutor, redazione ed aggiornamento del piano formativo e formazione di base e trasversale in tandem con il sistema di offerta pubblico o convenzionato.

Informazioni
Ufficio Buste Paga e Consulenza del Lavoro
Marco Carloni, tel. 0187.286629
carloni@confartigianato.laspezia.it
 

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI