• Mauro Garbarino - Legatoria - Genova
  • Salvatore Scalia - Restauro strumenti musicali - Genova
  • Isabella Coppola - Accessori moda - Savona
  • Osvaldo Benevelli e Rosannita Mariani - Gelateria - Arenzano
  • Andrea Carega - Friggitoria - Genova
  • Az. Agr. Damiano (Olive - Chiusavecchia (IM)) con Carlo Denei
  • Luisa Mongiardino - Tessuti - Genova
  • Otre d'Or (Prodotti tipici - Villa Faraldi (IM)) con Carlo Denei
  • Carlo Marciano e il suo staff - Panificatore - Genova
  • Martina Scasso - Accessori moda - Savona
  • Giancarlo Faccio - Lavorazione del rame - Genova
  • Giulia Minetto - Bevande e Bellezza - Savona

SISTRI

Il SISTRI, il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, è uno strumento promosso nel 2009 dal Ministero dell'Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare che lo ha introdotto per far fronte alla sempre più richiesta di innovazione e modernizzazione della Pubblica Amministrazione.

Il Sistri ha la finalità di garantire un maggior controllo della movimentazione dei rifiuti speciali, riduce i costi sostenuti dalle imprese, semplificando le procedure e gli adempimenti e gestisce in modo innovativo ed efficiente un processo complesso e variegato con garanzie di maggiore trasparenza, conoscenza e prevenzione dell'illegalità.

Sul sito ufficiale SISTRI è consultabile l’elenco dei soggetti che obbligatoriamente devono iscriversi e dei soggetti che possono iscriversi volontariamente ed è disponibile una guida (sia scritta che video) per l’utilizzo della chiavetta (o token) USB e per l’utilizzo del programma da parte di produttori, trasportatori e gestori di impianti.

In caso di chiavetta non funzionante è inoltre possibile scaricare una procedura per il ripristino del dispositivo USB da provare prima di comunicare a SISTRI il non funzionamento del dispositivo.


Il produttore del rifiuti è sempre il primo responsabile della loro gestione; in un'azienda è tenuto al rispetto di diversi obblighi, alcuni documentali, altri invece relativi alla gestione quotidiana delle varie fasi di lavoro. Di seguito le casistiche più frequenti che possono portare gli organi di vigilanza a...
09/11LEGGI
102
CondividiCONDIVIDI
Ricordiamo che la presentazione del Modello Unico di Dichiarazione ambientale MUD dopo il 22 Giugno 2019 ma entro il sessantesimo giorno da tale scadenza prevede l'applicazione di una sanzione amministrativa pecuniaria da 26,00 a 160,00 euro. Nel caso invece di presentazione oltre i 60 giorni dalla scadenza, l'omessa...
23/06LEGGI
264
CondividiCONDIVIDI
Ancora pochi giorni per la compilazione e l'invio della dichiarazione ambientale (MUD): il termine, come noto, solo per quest'anno è stato spostato al 22 Giugno 2019. In particolare i soggetti tenuti alla presentazione sono: - chiunque effettua a titolo professionale attività di raccolta e trasporto di rifiuti; - i...
04/06LEGGI
212
CondividiCONDIVIDI
Le problematiche relative alla gestione dei rifiuti sono diverse e talvolta, semplicemente per abitudini sbagliate, ci si trova davanti a violazioni che con poco impegno potrebbero essere eliminate. Il produttore è il primo responsabile della gestione dei rifiuti ed è quindi tenuto al rispetto di diversi obblighi, alcuni...
26/03LEGGI
214
CondividiCONDIVIDI
Le problematiche relative alla gestione dei rifiuti sono diverse e talvolta, semplicemente per abitudini sbagliate, ci si trova davanti a violazioni che con poco impegno potrebbero essere eliminate. Il produttore è il primo responsabile della gestione dei rifiuti ed è quindi tenuto al rispetto di diversi obblighi, alcuni...
22/03LEGGI
261
CondividiCONDIVIDI
Pubblicato il 22 Febbraio in Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. 24 Dicembre 2018, che sostituisce integralmente il modello di comunicazione della dchiarazione ambientale (MUD) con il primo effetto che la scadenza del 30 Aprile per la presentazione del MUD, solo per quest'anno è spostata al 22 Giugno 2019. Diverse le modifiche rispetto al...
01/03LEGGI
199
CondividiCONDIVIDI
Pubblicato il 22 Febbraio in Gazzetta Ufficiale il D.P.C.M. 24 Dicembre 2018, che sostituisce integralmente il modello di comunicazione della dchiarazione ambientale (MUD) con il primo effetto che la scadenza del 30 Aprile per la presentazione del MUD, solo per quest'anno è spostata al 22 Giugno 2019. Diverse le modifiche rispetto al...
26/02LEGGI
376
CondividiCONDIVIDI
Per il sistema di tracciabilità dei rifiuti si cambia ancora: dopo l'abolizione del Sistri, è in esame in questi giorni, nelle commissioni Affari costituzionali e Lavori pubblici del Senato, un emendamento per arrivare ad un nuovo meccanismo di tracciabilità. Se la proposta sarà approvata, dopo il periodo...
17/01LEGGI
430
CondividiCONDIVIDI
Il sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti (Sistri), in vigore dal 2009, è stato abolito definitivamente con il dl Semplificazione. Costi (Confartigianato): «Finalmente, una battaglia vinta: ora un tracciamento rifiuti che non comporti nuovi oneri per le imprese» «È dalla sua entrata in...
10/01LEGGI
346
CondividiCONDIVIDI
Approvato ieri, dal Consiglio dei Ministri, il Decreto Legge "Semplificazione" senza apportare modifiche all'articolo 23 relativo al SISTRI: confermata quindi la sua abrogazione dal 1° Gennaio 2019. Il prossimo 20 Dicembre, Confartigianato sarà presente presso il Ministero dell'Ambiente per la definizione dei...
13/12LEGGI
284
CondividiCONDIVIDI

NORMATIVE

DOCUMENTI

 

Le attività di Rating di Confartigianato Liguria
VAI
PROGETTO AUTOCONTROLLO CARROZZERIE LIGURI - Dicembre 2013
VAI
SPECIALE ELEZIONI REGIONALI
VAI